News e Curiosità dal mondo del web

Google Analytics e GDRP

posso usare Google Analytics sul mio sito web?

 

Quando realizzavo un sito web attivare il servizio Google Analytics era la norma. Oggi le cose sembrano essere cambiate, mi riferisco all'affermazione del Garante della privacy italiano che in data 23 giugno 2022 scrive " l’indirizzo IP costituisce un dato personale e anche nel caso fosse troncato ( anonimizzato aggiungo io ) non diverrebbe un dato anonimo, considerata la capacità di Google di arricchirlo con altri dati di cui è in possesso ".

A questo link è possibile leggere l'intero comunicato.


La decisione del Garante italiano segue quelle dell'autorità austriaca per la protezione dei dati che ha deciso che l'uso di Google Analytics viola il Regolamento generale per la protezione dei dati personali ( GDPR ), così come ha fatto anche la Francia.
Il problema sembra nascere dalla decisione della Corte di Giustizia dell’Unione Europea che ha annullato il Privacy Shield che garantiva l’export di dati verso gli USA. Non essendo un avvocato non mi spingo oltre nel cercare di capirne i dettagli e piuttosto mi concentro su quello che per me, web master in balia delle normative, è importante: posso usare Google Analytics?
Per chi come me fa questo mestiere bisogna ammettere che sono stati anni "difficili" in tal senso, siamo dovuti diventare tutti un pò avvocati nel cercare di capire come gestire le varie cookie e privacy policy, come rendere i siti web sicuri per la privacy ( google font, font awesome, You Tube, e compagnia cantante... ).
Come evidenzia Guido Scorza, componente del Garante per la protezione dei dati personali, la soluzione sembra poter essere solo politica ( leggi articolo ), anche il passaggio alla versione di Google Analytics 4 sembra non essere la soluzione e così tutti i gestori di siti web si potrebbero trovare presto nella condizione di sospendere il servizio di Analytics su tutti i loro sito web.
Riprendo quindi la domanda : posso usare Google Analytics? La mia opinione, da provano, è NO.
Anticipo la risposta alla seguente domanda : non sò cosa potrebbe accadere se continui ad usarlo...


SOLUZIONI?
Per chi proprio non può rinunciare al tracciamento ed all'analisi delle visite del sito web esistono delle valide alternative, sono tutte a pagamento ovviamente, a differenza di Google Analytics che offre tutto gratuitamente ( quindi probabilmente il prodotto siamo noi ).
Tra i più noti, a prova di GDPR, troviamo Matomo, Piwik PRO Analytics Suite e Pirsch. Quest'ultimo, specialmente per i web master, è una valida opzione. Ci sono ovviamente anche altri servizi, che non starò ad elencare... in rete è possibile trovare tutte le piattaforme sul mercato e le analisi comparative dei servizi.


Ovviamente esiste la sopra citata "soluzione politica" che potrebbe arrivare forse anche a breve, suppongo che Google non sia disposto a perdere il mercato europeo e considero realistiche le ipotesi di una rapida soluzione che possa garantire la privacy dei cittadini europei.

Personalmente credo che in ogni caso non userò più Google Analytics per i miei clienti, a favore di un servizio europeo, devo anche ammettere ( e qui verrò linciato ) che considero le analisi statistiche sopravvalutate. Utilissime sicuramente con grandi numeri ma per piccoli siti web con qualche centinaio di visite a mio avviso sono poco più di un "fronzolo".

Quel che conta in fondo è il risultato al netto di tutto... il mio sito web è in prima pagina a livello nazionale con diverse parole chiave ( molto competitive ) ed io sono un "piccolo smanettone" di SEO e posso affermare che a me Analytics non serve ( ed infatti non lo uso ).


Magari affronteremo il discorso nel prossimo articolo, e parleremo della "fuffa" che orbita nell'universo della SEO, a partire dai libri da 9,90€ con i segreti per arrivare in prima pagina!

Ti occorre una consulenza gratuita o maggiori informazioni? Non esitare a contattarmi!

VALUTAZIONE 4.5 (38 Voti)

Ti occorre una consulenza gratuita o maggiori informazioni? Non esitare a contattarmi!